Il Poker e' servito !! MAZZOLENI PIZZIGHETTONE - GOODBOOK MANERBIO 75-60

È ATTIVA LA VERSIONE 2017 DEL SITO: CLICCATE QUI o DIGITATE http://2017.basketpizzighettone.com

Sabato, 25 Marzo, 2017 - 21:00
MAZZOLENI PIZZIGHETTONE - GOODBOOK MANERBIO 75-60 (15-12)-(37-23)-(60-42)

Mazzoleni Pizzighettone: Manini 10, Roberti 6, Pedrini 7, Bertuzzi 5, Severgnini 7, Casali 7, Cipelletti 4, Lebo 23, Gerli 6, Ivanyuk, Bolzoni. All. Tonani
 
GoodBook Manerbio: Visnjic 2, Atienza 7, Biagini 3, Rakic 16, Conte 17, Scekic 2, Agazzi 5, Cotruta 6, Brunelli 2. All. Lovino
 
MVP: Lebo-Manini
 
Note: Antisportivo a Lebo (27’) e Gerli (37’), usciti per falli Atienza (29’), Scekic (32’), Biagini (38’), Cotruta (40’) e Rakic (40’).
 
Spettatori : 300 circa – Le squadre sono state accompagnate in campo dai centri minibasket di Trigolo- Zerosei Soresina e S.Bassano

Di Laura Lodigiani :
Terzultima giornata del Campionato di Serie C Gold, al Palastadio di Soresina i padroni di casa della Mazzoleni Pizzighettone affrontano la GoodBook Manerbio; squadre di umori diametralmente opposti, Manerbio reduce dalla pesante sconfitta interna contro Lumezzane e profondamente colpita dal caos dei tesseramenti sugli extracomunitari, Pizzighettone che arriva sull’onda dell’entusiasmo generato dalle tre vittorie consecutive e da una classifica che finalmente sorride agli uomini di coach Tonani.
Starting five con Roberti-Pedrini-Severgnini-Casali-Lebo, risponde coach Lovino con Biagini-Rakic-Conte-Scekic-Brunelli; palla a due preda di Lebo che prova subito una tripla che non va, rimbalzo di Pedrini e Biagini costretto a spendere il suo primo fallo.
Pedrini prima serve un perfetto assist a Lebo che deposita a canestro, poi sfrutta a sua volta un suggerimento al bacio da parte di Casali e mette i primi due personali; Manerbio fatica a costruire in attacco, Casali si iscrive a referto da due punti, Lebo si butta dentro alla sua maniera e pesca il fallo di Brunelli, costringendo coach Lovino a chiamare immediatamente il minuto.
Al rientro 1/2 dalla lunetta per il croato, la GoodBook continua a perdere palloni sanguinosi e Severgnini dall’arco non perdona, fissando il 10-0 dopo tre minuti; ancora Lebo protagonista con 1/2 dalla carità e poi con un meraviglioso canestro da due punti su palla alzata magistralmente da Casali.
Manerbio si risveglia grazie al piccolo play Atienza che muove il tabellone da due, seguito dal gioco da tre punti di Rakic conseguente la palla persa di Roberti; entra in partita anche Gianmarco Conte con una tripla perfetta, poi le squadre regalano due minuti da film horror con una serie incredibile di errori al tiro.
Ancora Atienza approfitta della palla persa da Cipelletti per depositare comodamente a canestro, Casali sbaglia la tripla, Manini si avventa sul rimbalzo e lo trasforma in due punti cui risponde immediatamente Rakic con la stessa moneta; con meno di un secondo da giocare, Casali si inventa il canestro dell’anno, ma purtroppo è fuori tempo massimo ed il quarto si conclude sul 15-12 per la Mazzoleni.
Secondo parziale che si apre con quattro punti filati di Bertuzzi, Cotruta non capitalizza dalla lunetta il fallo di Cipelletti, Rakic infila un’incredibile tripla di tabella e Lebo fa 2/2 dalla carità; Manerbio inizia a spendere molti falli, dalla lunetta vanno Manini (1/2) e Gerli (2/2), poi l’attacco di casa si inceppa e la GoodBook ne approfitta.
Cotruta a segno da sotto, Brunelli da due punti dal cuore dell’area e Visnjic che chiude il mini break di 6-0; nel momento peggiore del Pizzi, a suonare la carica è Daniele Manini, che infila una tripla di importanza capitale; da quel momento sfuriata dei padroni di casa con due punti di Severgnini, 1/2 dalla lunetta per Roberti, entrata spettacolare e due punti per Manini, seguiti da un clamoroso assist no look di capitan Roberti per lo stesso Manini che tutto solo deposita a canestro il 34-23 dei suoi.
Non ancora sazio il giovane numero 4 biancoblu produce due recuperi in difesa, il primo non sfruttato, il secondo diventa un passaggio per Roberti che illumina il Palastadio con un suggerimento per Lebo a tagliare tutto il campo; il croato non si fa pregare ed infila la bomba che manda le squadre al riposo sul 37-23.
Ripresa delle ostilità con il canestro immediato di Pedrini, Scekic risponde ancora da due ma Lebo rimette immediatamente le cose a posto; Manerbio comincia ad avere gravissimi problemi di falli, Lebo in entrata coglie il terzo di Rakic e converte il gioco da tre punti per il 44-25 dopo tre minuti.
Atienza rialza la testa con una bomba, l’asse Roberti-Pedrini funziona a meraviglia e Simone mette un pregevole canestro in allontanamento, Severgnini fa 2/2 dalla lunetta ed il Pizzi si porta a +20 (48-28) al 25’; ancora Lebo con una penetrazione delle sue si procura un possibile gioco da tre punti ma non converte l’aggiuntivo, mentre Conte infila la sua seconda tripla di giornata.
Roberti dalla lunetta fa 2/2, monetizzando al meglio il quarto fallo di Atienza, botta e risposta da tre tra Casali ed il caldissimo Conte, Pedrini prende una strepitosa linea di fondo trovando il fallo di Cotruta e realizzando uno solo dei due liberi a disposizione; stessa sorte per Agazzi che poi subisce l’antisportivo di Lebo ma fa 0/2.
Rakic e Cotruta provano a scuotere i compagni con quattro punti filati, ma Cipelletti pesca il quinto fallo di Atienza e lo monetizza alla perfezione dalla lunetta; Conte, ormai totalmente on fire, infila l’ennesima bomba della sua partita, mentre Casali in entrata va a chiudere il parziale sul rassicurante punteggio di 60-42.
Ultimo periodo che si apre con i liberi di Conte in seguito al fallo di Casali, poi pioggia di interventi fallosi da entrambi i lati che rendono il gioco estremamente spezzettato; Gerli fa 2/2 e manda anzitempo in panchina anche Scekic, Cipelletti si mette in proprio e va a canestro in entrata, Conte realizza un gioco da tre punti mentre Bertuzzi litiga con il ferro dalla lunetta con 0/2.
Manerbio continua a faticare tantissimo sia in attacco che in difesa, subentra il nervosismo e continuano ad aumentare i falli, con il risultato che il Pizzi guadagna parecchi giri in lunetta che però non capitalizza come dovrebbe: 0/2 di Severgnini e 1/2 di Bertuzzi prima del buon canestro di Rakic.
Lebo a canestro da due su rimessa, Manerbio non segna più e Roberti infila una bomba sui 24” dopo una perfetta circolazione di palla, portando il punteggio sul 70-49.
Gerli ancora implacabile dalla lunetta, Lebo fa 1/2 e Rakic va ancora a segno dall’area; Lebo subisce fallo e resta a terra, gli arbitri non se ne accorgono e Gerli ferma il gioco per sincerarsi delle condizioni del compagno: fallo antisportivo per il numero 16 biancoblu ma Conte dalla lunetta non ne approfitta facendo 0/2.
Biagini mette tre punti filati, un canestro ed un libero, ma subito dopo commette il suo quinto fallo ed è costretto ad abbandonare il parquet; Lebo fa ancora 1/2 dalla lunetta prima dell’ennesimo canestro di Rakic, fuori per falli anche Cotruta, c’è ancora tempo per quattro punti di Agazzi e per il quinto fallo di Rakic, con Lebo che nuovamente infila solo un libero dei due a disposizione, chiudendo il match sul 75-60.
Partita non bella da vedere, troppo il divario tra le due squadre, non solo tecnico ma anche mentale e di esperienza; Manerbio è squadra giovanissima (il più “vecchio” in campo è classe 1994) che non può competere con la malizia di gente come Roberti, Pedrini, Casali e Gerli, abituati a giocare questo campionato.
Per il Pizzi partita non sempre facile da interpretare, con i lunghi che si limitano al compitino e gli esterni che si accendono a sprazzi; resta negli occhi l’ottima prestazione di Daniele Manini, classe 1998, tanta energia, tanto talento in attacco condito da una buona dose di faccia tosta e qualche bello sprazzo in difesa.
Accanto al “bambino” è giusto citare anche il “vecchio”, Marco Roberti, classe 1985, il più esperto in campo; indiscutibilmente faro per i compagni, sempre presente mentalmente nella partita, dispensa saggezza cestistica a tutto tondo con passaggi illuminanti: il no look con cui libera Manini vale il prezzo del biglietto.
Parafrasando Guccini, “il vecchio e il bambino si preser per mano e andarono insieme incontro ai playoff”.

Nel prossimo turno,sabato 1 aprile , la Mazzoleni Pizzighettone sarà impegnata sul lago di Lecco contro la formazione del Lamp Lierna .
 



 

Aggiungi un commento